2° Edizione di Wildays – the craziest 72 hours.

Posted: giugno 11, 2018
Category: CSIG Magazine
Comments: 0

Gianmarco Zingarello per WolflandRoad


Si è appena conclusa la seconda edizione di Wildays – the craziest 72 hours. Un festival dedicato alle moto d’epoca, classiche e special ma anche alla natura, alla musica e al food che si è svolto dall’ 1 al 3 giugno nel cuore della Motor Valley, all’Autodromo Riccardo Paletti di Varano de’ Melegari.


Un’area espositiva di 18.000 mq, ma anche la bellezza di 9 circuiti dove gareggiare, fare test ride e corsi di guida. C’è il Flat Track Temple, l’ovale di terra battuta utilizzato per il Flat Track; lo Speed Temple, il circuito asfaltato dell’Autodromo di Varano de’ Melegari; l’Enduro Temple, l’area sterrata con il tracciato fettucciato per le moto da cross/enduro; lo Junior Temple, l’area dedicata ai bambini e ragazzi dai 4 ai 14 anni;











il 4×4 Temple per attività off road con quad, auto 4×4 e maxi enduro; l’Hill Climb Temple, una ripida salita sterrata per tentare folli scalate; il Dirt Drag Temple, la lingua di terra che ospita contest di accelerazione su sterrato; l’Oval Temple, un ovale di asfalto per le gare di inseguimento.











Infine la Badlands Valley, la vallata esterna all’autodromo che comprende un’area di 30 km quadrati con 45 km di percorsi off road tra boschi e calanchi. Al centro dell’area espositiva poi si è tenuto il Bike Show: le moto parcheggiate da molti preparatori provenienti dall’estero e dall’Italia, tra i quali Alea Motorcycles che ha piazzato una moto tra le finaliste decretata tra le più belle, selezionata da Superspecial e dalla rivista internazionale. Bikeexif. Una seconda edizione esplosiva, che ha confermato l’interesse dell’evento a livello internazionale, con un pubblico molto variegato, composto da italiani, ma soprattutto da tanti stranieri, provenienti da più di 10 paesi diversi.











Al Wildays si stringono amicizie e si fanno gemellaggi transnazionali, complici le birrette notturne e le gare di burnout tra gli austriaci di Reier Motors, i rumeni di Bandisca, i greci di Motoculturel e i salentini di Alea Motorcycles. Si corre sui moped allestiti per correre sullo sterrato, ci si tuffa nella fresca acqua del fiume e si balla fino a notte.





Wildays si è confermato un evento per tutti: appassionati, piloti, professionisti del settore, famiglie e curiosi che si sono immersi in un’atmosfera da grande festival d’oltreoceano.



Seguici su WolflandRoad

Leave a Comment

Your email address will not be published.